Come fare per difendersi dalla sempre più agguerrita influenza? Se il modo migliore sarebbe non respirare – cosa non proprio consigliabile – ve ne sono tuttavia altri che possiamo mettere in pratica. Uno di questi è quello di prevenire la diffusione della malattia a partire da casa nostra. [lm&sdp], La Stampa.it

 

Come fare per difendersi dalla sempre più agguerrita influenza? Specie in questi giorni in cui è previsto il picco dei casi d’infezione? Se il modo migliore sarebbe non respirare – cosa non proprio consigliabile – ve ne sono tuttavia altri che possiamo mettere in pratica e che sono stati suggeriti da Allison Janse, coautrice di una guida per ingannare i germi di raffreddore e influenza dal titolo “The Germ Freak’s Guide To Outwitting Colds and Flu”, la quale ne ha parlato all’Huffington Post.

Allison Janse inizia il suo lungo elenco di espedienti consigliando di mettere da parte gli asciugamani tradizionali e, in questo periodo, utilizzare asciugamani di carta monouso – specie se in casa ci sono già persone ammalate. Se si utilizza una spugna o una spazzola per lavare i piatti, sterilizzare questi elementi in lavastoviglie tutti i giorni.

Pulire e disinfettare accuratamente il lavandino del bagno perché, secondo Janse, questa zona è un punto caldo per i virus di influenza e raffreddore. Prestare particolare cura anche ai rubinetti, i quali sono toccati da più mani – specie quelle infette.

Altri oggetti di uso quotidiano e toeletta da tenere puliti sono gli spazzolini da denti: oltre a pulirli come si deve tenendoli per un buon tempo sotto il getto dell’acqua corrente, è bene evitare che siano conservati l’uno vicino all’altro e che, magari, si tocchino. Se si è avuta l’influenza o il raffreddore, prevedete di sostituire lo spazzolino quando si sia guariti.

Ulteriori “zone calde” da disinfettare con cura sono gli interruttori della luce, sia di casa che in particolare del bagno – e anche le maniglie delle porte. Secondo Janse, è importante che i prodotti utilizzati per la pulizia siano dichiaratamente disinfettanti, perché altrimenti non si fa che spargere in giro i germi.

Lavarsi sempre bene le mani, anche con un normale sapone, tenendole sotto l’acqua almeno 20-30 secondi. Disinfettare anche altri oggetti di uso comune come i telecomandi, le tastiere dei computer, i telefonini e i telefoni, i controller delle consolle di gioco e compagnia bella. In questo caso, Janse consiglia i disinfettanti spray da lasciare agire per qualche minuto e lasciare asciugare all’aria.

Se in casa c’è qualcuno ammalato, secondo l’esperta, bisognerebbe lavare la biancheria ogni giorno: lenzuola, federe, asciugamani eccetera sarebbero un covo di germi. Nel caso si utilizzi la lavatrice, scegliere un lavaggio con acqua calda, anziché fredda.

Se, poi, a essere ammalato e il proprio coniuge o partner, per chi è ancora sano è meglio dormire sul divano, o comunque in un altro letto o stanza che non siano quelli matrimoniali.
Infine, se dopo tutti questi accorgimenti ci si busca comunque l’influenza, be’, non resta che fare buon viso a cattivo gioco e aspettare che passi.

Hai bisogno di aiuto? AVVIA