Respirare i fumi di scarico del traffico non solo può causare problemi respiratori, malattie cardiache e cancro ma, secondo un nuovo studio, danneggiare anche il cervello. lm&sdp, La Stampa.it

 

Il problema dell’inquinamento dell’aria è presente tutto l’anno ma, d’inverno, si sente ancora di più. I gas di scarico dei mezzi di trasporto si fanno via via sempre più persistenti e diventa praticamente impossibile non respirarli.

Spesso poi si inalano direttamente dai tubi di scappamento dell’auto che si ha di fronte quando si è fermi in coda o, come sempre, si viaggia a passo d’uomo.

Va da sé, dunque, che ogni giorno ci facciamo la nostra bella dose di gas; cosa su cui si potrebbe anche soprassedere se non fosse che, come qualcuno ogni tanto ci ricorda, al pari del fumo: nuoce gravemente alla salute.

Inutile allora ricordare che numerosi studi hanno confermato come i fumi degli automezzi possano essere causa di cancro, malattie cardiache – senza contare i più “banali” problemi respiratori, perché oggi un nuovo studio c’informa che, sempre loro, possono danneggiare il cervello. Questo, come se tutto il resto già non bastasse.

L’allarme cervello arriva da un epidemiologo: il dottor Jiu-Chiuan Chen dell’University of Southern California (Usa), il quale ha condotto un largo studio per analizzare gli effetti dei fumi di scarico sul cervello.

Per la sua ricerca, il medico ha coinvolto oltre 7.500 donne appartenenti a 22 diversi Stati per poi valutare le reazioni del cervello all’esposizione degli inquinanti. I risultati hanno mostrato che vi era una significativa evidenza circostanziale che i fumi di scarico aggrediscono il cervello.

Questo studio si affianca a un altro recente studio a opera di ricercatori olandesi che hanno stabilito come i gas di scarico, dopo soli 30 minuti di inalazione, possono innescare anomali segnali elettrici che vanno a colpire le regioni cerebrali deputate al comportamento, la personalità e i processi decisionali.

Questo genere di mutamenti in genere sono associati a elevati livelli di stress.

l dottor Chen è a conoscenza di questi precedenti studi e sa che ve ne sono anche altri che, come il suo, stanno esaminando gli effetti sul cervello da parte dei fumi di scarico.

«Ci sono scienziati che sempre più stanno cercando di scoprire se e perché l’esposizione a gas di scarico del traffico può danneggiare il cervello umano. I dati sull’essere umano sono molto nuovi», conclude Chen. Quello che tuttavia non è nuovo è che l’inquinamento fa molto male.