Articolo: Fatti un regalo: straccia il copione

COPIONE

Immagine correlata

 

 

Con l’inizio del nuovo anno, un buon esercizio può essere quello di lasciarsi alle spalle tutto quello che non ci serve più, che non è più costruttivo. E, prima di ogni altra cosa, sarebbe utile che ci liberassimo del nostro vecchio copione, e cioè dell’immagine limitante che ci siamo fatti di noi.

Tutti abbiamo un copione, anche se non ne siamo consapevoli. Ma c’è di più: lo difendiamo a spada tratta. Che cos’è esattamente questo copione?

È la storia che ci siamo raccontati su di noi e che continuiamo a recitare giorno dopo giorno.

Per riconoscere il nostro copione può essere utile mettere in relazione i nostri due aspetti agli ‘antipodi’. Prendere cioè quello che più apprezziamo di noi e quello che più disprezziamo e costruire la trama del copione. Vediamo qualche esempio.

“Io sono una persona intelligente ma incostante, che non porta a termine le cose”, oppure, “Sono una persona onesta che però non ha carattere, determinazione“. Oppure ancora “Sono una persona con un grande potenziale che però per pigrizia non riesce a fare nulla di buono”. Oppure “Sono bravo in questo ma nel resto sono un totale incapace”. O anche “Ho tante qualità, ma sono prigioniero dei miei limiti”. Eccetera, eccetera.

Ci chiederemo ora quali siano i vantaggi del copione, perché ognuno di noi, almeno a parole, vuole cambiare la propria situazione in meglio. Ma non è detto che il nostro inconscio lo voglia. Anzi spesso non lo vuole affatto. Perché mai?

Perché l’inconscio vuole a suo modo proteggerci: proteggerci dai possibili pericoli dell’ignoto. Anzi, a livello inconscio -e spesso anche conscio- abbiamo una paura terribile dell’ignoto. Ed è per questo che cerchiamo di mantenere con le unghie e con i denti la nostra situazione immutata, anche quando non ci soddisfa o, peggio, ci fa soffrire.

Vivi a rischio zero?

Viviamo a rischio zero. Ed è per questo che soffriamo. Non siamo fatti per vivere in questo modo. E cioè sempre con gli stessi pensieri e i soliti comportamenti. C’è troppa poca creatività nella nostra esistenza. E anche poca crescita. Giorno dopo giorno, procediamo quasi come se avessimo un pilota automatico. A volte non siamo neppure presenti in quello che facciamo quotidianamente, e arriviamo a fine giornata come se non avessimo vissuto affatto.

Meno crescita c’è più ci sentiamo insoddisfatti. Anche se non sappiamo riconoscere il perché. Ma il motivo è esattamente questo. Non ci mettiamo abbastanza in gioco. E, così facendo, andiamo contro la nostra natura che è quella di esplorare, curiosare, giocare con i copioni, abbandonando quella rigida immagine che ci siamo costruiti di noi.

Forse non è un copione che abbiamo scelto, spesso è stato scritto da chi ci ha preceduto, genitori, educatori, altre persone più grandi di noi. Ci hanno detto come eravamo e come avremmo dovuto essere, le qualità e i limiti che avevamo. Ma noi siamo molto più di questa ristretta identità in cui siamo rimasti imprigionati.

È ora di diventarne consapevoli e di lasciare andare quel copione. Non importa se contiene un’idea potenziante o limitante di noi, perché siamo comunque anche molto altro. L’espressione di quello specifico copione che abbiamo imparato a recitare è solo uno dei possibili. C’è molto altro. Siamo molto altro.

Da Convinzioni

La Redazione

 

 

 

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.