Articolo: Affrontare l’estate senza trascurare la propria pelle: consigli utili

pexels-heloisa-vecchio-10447642

Sta arrivando l’estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un’abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

 

I BENEFICI DEL SOLE

Il sole è un’importante fonte di energia, preziosa anche per la salute del nostro corpo. Già ai tempi degli antichi Greci veniva usata l’elioterapia (ovvero la cura del sole) per curare le piaghe cutanee e altre malattie della pelle. Oltre a stimolare la produzione di vitamina D, grazie ai raggi UV-B, utile per molti organi e non sufficientemente assunta con la dieta, la luce solare ha effetti diretti sia nella regolazione del ciclo sonno-veglia, sia sull’umore, favorendo la produzione di serotonina, il cosiddetto “ormone del benessere”.

 

 

 

 

ATTENZIONE A NON ESAGERARE

Tuttavia, quando ci esponiamo ai raggi solari dobbiamo considerare tutta una serie di variabili infide che vanno a minare le condizioni di salute della cute, uno tra tutti il cambiamento climatico: l’incremento delle temperature, l’inquinamento, l’assottigliamento dello strato di ozono filtrante raggi UV sono tra gli effetti che maggiormente ci mettono a rischio in termini di scottature, invecchiamento precoce della pelle e rughe e non per ultimo lo sviluppo di tumori cutanei, in particolare il melanoma.

 

COME PROTEGGERCI PER PREVENIRE?

E’ opportuno adottare delle precauzioni quando in estate il sole inizia ad essere più cocente e noi scopriamo maggiormente il nostro corpo indossando abiti più leggeri. Questo vale non solo quando si va in vacanza al mare o in montagna, ma anche in città dobbiamo proteggerci. Ecco alcuni consigli utili:

  • ridurre l’esposizione: prendere il sole iniziando ad esporsi gradualmente ed evitare di esporsi tra le ore 12 e le ore 16, momento della giornata in cui l’irraggiamento solare è all’apice della sua intensità.
  •  applicare una crema solare con fattore di protezione adatto: solitamente un fattore compreso tra 15 e 25 è sufficiente per proteggere la maggior parte delle persone; tuttavia chi ha la pelle chiara deve stare sempre attento e usare una protezione alta. E’ importante usare prodotti di buona qualità e applicarli frequentemente, specialmente dopo il bagno e in caso di esposizione prolungata.
  • effettuare visite di controllo dei nei: il dermatologo, tramite dermatoscopio, una speciale lente, può identificare la presenza di un melanoma o di un neo atipico prima che questo sia riconoscibile a occhio nudo. Da Novembre 2021 è attiva la campagna di sensibilizzazione sul melanoma “Oltre la pelle” promossa da Novartis, la quale prevede inoltre un tour itinerante nelle regioni d’Italia. Per saperne di più sull’iniziativa è possibile consultare il sito www.oltrelapelle.it.

 

 

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.

Spesso entrando nelle varie stanze dei luoghi di cura, ho guardato fuori dalla finestra prima ancora di posare il mio sguardo su …