Articolo: Fare movimento è tutta salute, anche per il cervello

L’attività fisica come prevenzione della malattia di Alzheimer mette d’accordo scienziati e sportivi. lm&sdp La Stampa.it

 

L’attività fisica è importate per tutti, inutile ricordarlo. Ma acquista un valore in più quando sappiamo che oltre al fisico – con il sistema cardiovascolare in prima posizione – fare movimento fa bene anche al cervello e, nello specifico, per la prevenzione di una malattia grave come l’Alzheimer.

Il movimento, quindi, mette tutti d’accordo: ricercatori, sportivi e personaggi dello spettacolo che, per l’occasione, si ritrovano alla IX edizione di “Fitness e Solidarietà” per la Settimana dell’Alzheimer – “Muoviamoci 2011”, a Brescia, presso il Centro sportivo “Millennium& Fitness”. Testimonial dell’evento, gli artisti Ambra Angiolini e Francesco Renga, con la sciatrice Daniela Merighetti.

«La regolare attività fisica migliora la performance cognitiva negli adulti di mezza età e può ridurre lo sviluppo di decadimento cognitivo dell’età anziana.

Gli scienziati ci insegnano che l’esercizio fisico moderato svolto almeno tre volte la settimana consente di ritardare fino a cinque anni l’esordio dei disturbi di memoria e della malattia di Alzheimer», spiega Giovanni Frisoni, neurologo e ricercatore, Responsabile del Laboratorio di Neuroimaging all’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia, Istituto scientifico che opera da oltre 15 anni a livello nazionale e internazionale per lo studio e la cura delle malattie neurodegenerative e psichiatriche.

La manifestazione “Fitness e Solidarietà” ha visto i natali nel 2003, ed è organizzata dall’Istituto specializzato in attività diagnostiche, terapeutiche e riabilitative per persone colpite da tali patologie, in collaborazione con il Centro “Millennium Sport & Fitness” di Brescia, e in collegamento con altre sedi sportive del territorio nazionale.

«La manifestazione raccoglierà fondi che saranno devoluti a sostegno di progetti di ricerca condotti dall’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Brescia su questa malattia che solo in Italia colpisce oltre 600 mila persone», sottolineano Paolo Cima e Lucio Zanchi, amministratori delegati di Millennium.

Grazie agli oltre 160 mila euro raccolti dall’esordio della manifestazione, giunta alla sua IX edizione, è stato possibile eseguire una serie di avanzatissime indagini diagnostiche sulle immagini di risonanza magnetica, PET e analisi del liquido cefalorachidiano per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer, che non sono ancora riconosciute e rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale.

Indagini condotte su circa 200 persone con lievi disturbi di memoria curate presso l’IRCCS di Brescia hanno consentito di formulare o escludere la presenza della malattia di Alzheimer.

«Negli sfortunati positivi la diagnosi precoce è stata seguita dalla somministrazione di farmaci sia tradizionali che sperimentali che crediamo ritardino il progredire dei disturbi cognitivi e lo sviluppo della non autosufficienza», conclude Frisoni.

Altri articoli dal nostro blog

Il 15 febbraio, il mondo si unisce per celebrare la XXIII Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile, un’occasione importante per sensibilizzare e …

Un gesto semplice, un grande sostegno! Il 15 ottobre è una data speciale che non possiamo lasciar passare inosservata. Questo giorno, Anapaca …

È da poco uscita la 4 stagione della serie che racconta le vite dei ragazzi di Moordale alle prese con la scoperta …

Affrontare le difficoltà durante il cancro Dal 2011 Ottobre è il mese dedicato a sensibilizzare sulla cultura del benessere psicologico: l’obiettivo è …

di Alberto Del Corno (ED. IPL, 2020) Nel dicembre 2004 ad Alberto Del Corno viene diagnosticato un tumore maligno alla tiroide. Dopo …

In questo ultimo periodo si è iniziato a parlare di una legge sull’oblio oncologico che il Governo italiano, assieme al contributo delle …

Lo stress può essere definito come una risposta psicofisica dell’organismo a eventi diversi che possono essere vissuti come eccessivi. Quando parliamo di …

La trama Giuliano (Marco Giallini) e Tommaso (Valerio Mastandrea) sono amici per la pelle da trent’anni. Il primo vive a Roma e …

Michela Murgia è una scrittrice, drammaturga, critica letteraria e blogger orgogliosamente sarda. Oltre alle sue opere, è conosciuta per essere una fervente …

Il racconto delle esperienze oncologiche come strumento di prevenzione «Ora riuscivo a guardare in faccia la paura e avevo imparato che a …

Da tempo in molti Paesi – come le europee Spagna e Islanda ma anche Giappone e Nuova Zelanda – si sta sperimentando …