Articolo: Il profumo ansiolitico della lavanda

LAVANDA

 

 

 

La lavanda contiene una sostanza, il linalolo, che è in grado di indurre uno stato di rilassamento simile a quello provocato dagli ansiolitici, ma solo se è inalata. Il linalolo infatti non agisce direttamente sui centri che modulano l’ansia ma richiede la mediazione dei neuroni olfattivi(red)

La lavanda ha proprietà ansiolitiche simili, anche se meno intense, a quelle delle benzodiazepine, i farmaci contro l’ansia più diffusi: tuttavia, i suoi effetti rilassanti si verificano esclusivamente se viene annusata.

A dimostrare questa capacità della lavanda in una serie di esperimenti sui topi e a individuarne i singolari meccanismi d’azione è stato un gruppo di ricercatori della Kagoshima University, in Giappone, che firmano un articolo su “Frontiers in Behavioral Neuroscience”. La scoperta potrebbe avere ricadute di interesse clinico.

“Secondo la medicina popolare – dice Hideki Kashiwadani, coautore dello studio – i composti odorosi derivati da estratti di piante sarebbero in grado di alleviare l’ansia, ma la medicina moderna ha trascurato a lungo questa possibilità.” Fino a che, nel caso della lavanda, diversi studi hanno confermato che una sostanza in essa contenuta, il linalolo, ha davvero effetti rilassanti.

Nessuno di quegli studi, però, ne aveva individuato chiaramente il meccanismo d’azione. Alcune ricerche avevano suggerito che il linalolo agisse sui recettori cerebrali che legano anche le benzodiazepine (un particolare sottogruppo di recettori del GABA), ma somministrando la sostanza a un gruppo di topi in modo che fosse  assorbita direttamente dal sangue non c’è stato alcun effetto rilassante: al contrario, si sono manifestati disturbi dei movimenti simili a quelli prodotti dall’alcool e dall’iniezione di benzodiazepine.

Al contrario, l’esposizione dei topi a vapori di linalolo induce chiaramente il rilassamento, e senza comprometterne i movimenti. Bloccando la risposta ai recettori del GABA, tuttavia, l’effetto ansiolitico svanisce. Per confermare il ruolo dell’olfatto, i ricercatori hanno esposto ai vapori di linalolo alcuni topi privi dei neuroni olfattivi, constatando che non si manifestava alcun rilassamento.

Insieme, questi risultati indicano quindi che, a differenza delle benzodiazepine, il linalolo non agisce direttamente sui recettori del GABA, ma li attiva attraverso i neuroni olfattivi della mucosa nasale.

Ulteriori conferme, secondo Kashiwadani, potrebbero portare a “un uso del linalolo in contesti clinici, come la preanestesia nei casi in cui il ricorso ad altri ansiolitici è sconsigliato, o in pazienti in cui la somministrazione per via orale o parentale è problematica, come i neonati o gli anziani in stato confusionale.”

Da Le Scienze
La Redazione

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.