Articolo: L’acqua aiuta il cervello

Gli italiani non bevono abbastanza acqua. Una ricerca dimostra l’importanza di idratarsi bene e raccomanda le quantità giuste per ciascun individuo, bambini inclusi. Caterina Visco, L’Espresso. It

 

Due milioni di italiani, circa il 5 per cento della popolazione, rischiano quotidianamente di sentirsi inutilmente affaticati, vedere diminuita capacità di attenzione e memoria a breve termine, soffrire di crampi muscolari o, in casi estremi, di incorrere in un collasso cardiocircolatorio. Tutto questo solo perché non bevono acqua a sufficienza.

Il dato emerge da una ricerca condotta dall’Osservatorio Sanpellegrino che ha portato al Consesus Paper “Idratazione per il benessere dell’organismo”.

Secondo il documento, realizzato da Umberto Solimene dell’Università di Milano e Alessandro Zanasi dell’Università di Bologna, mantenere un corretto bilancio idrico – e quindi bere tra 1,5 e 3 litri d’acqua al giorno – non solo evita una lunga serie di malesseri e rischi per la salute, ma può favorire l’assunzione di elementi importanti come calcio, sodio, ferro, fluoro, bicarbonato e magnesio, che possono essere determinanti per la corretta funzione degli organi.

Fondamentale, per esempio, è mantenere il bilancio idrico del cervello, costituito per l’85 per cento di acqua, la percentuale più alta nel corpo umano (seguono il sangue con l’80 per cento, muscoli 75, cute 70 e ossa 30).

Le conseguenze della disidratazione del cervello vanno da mal di testa e stanchezza fino alle allucinazioni. Inoltre, la disidratazione è in grado di ridurre temporaneamente le dimensioni della materia grigia; per fortuna è sufficiente bere uno o due bicchieri d’acqua per riportare alla normalità la situazione.

Bere è altrettanto importante per la salute del cuore: rende il sangue meno viscoso riducendo il rischio di trombosi, e i sali minerali sciolti nell’acqua possono avere un ruolo protettivo.

Secondo il documento, poi, alcuni tipi di acqua come quelle ricche di sale, zolfo, calcio e bicarbonato in varie combinazioni tra loro riducono la quantità di grassi presenti nel sangue, diminuendo così il rischio di aterosclerosi.

Più facile, invece, è intuire che l’acqua è molto importante per favorire la diuresi, eliminare le scorie e prevenire calcoli e infezioni urinarie.

In ambito pediatrico, invece, l’acqua può essere considerata un valido supporto contro la carie dentale come risposta alla sempre maggiore assunzione da parte dei bambini di bevande e altre bibite acide che rendono i denti più vulnerabili.

Non tutti però devono bere allo stesso modo: alcuni devono farlo più di altri. “Si va da un litro e mezzo a 3 litri al giorno fino ai 6 litri per chi svolge attività fisica e vive in un ambiente caldo”, conclude Umberto Solimene: “Per un individuo sedentario invece possono bastare tra 1,2 litri fino a 2,5 litri

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.