Articolo: Mangiarre sushi può danneggiare la tiroide

Il consumo di alghe utilizzate per avvolgere il cibo utilizzato nel preparare il sushi potrebbe incidere sulla salute della ghiandola tiroide. lm&sdp su La Stampa.it

 

Attenzione alla passione per il sushi: assumere troppe alghe, utilizzate per preparare gli involtini, può essere dannoso per la tiroide e modificarne l’attività.

La ghiandola tiroide è importante per il buon funzionamento dell’organismo e del metabolismo. È lei infatti che dirige i lavori e, se non funziona bene, possiamo andare incontro a tutta una serie di disturbi. Disturbi diversi a seconda se la tiroide “lavora” troppo o troppo poco.

La tiroide è una ghiandola endocrina con il compito di sintetizzare ormoni. Due sono i principali: Triodotironina e Tiroxina che influenzano il metabolismo. L’atro ormone sintetizzato è la Calcitonina, che svolge un importante ruolo nella regolazione del calcio e del fosforo.

Un’alterazione nel livello di ormoni tiroidei circolanti nell’organismo determina due situazioni conosciute con il nome di ipotiroidismo e ipertiroidismo. Dove, nel primo caso, vi è un deficit e nel secondo caso un surplus.

I sintomi in genere sono di segno opposto: per esempio nell’ipertiroidismo si ha un aumento dell’eccitabilità; nell’ipotiroidismo vi è un rallentamento psicomotorio.

Cercare di mantenere l’equilibrio e il buon funzionamento della tiroide è quindi essenziale. Seguire una dieta che ne favorisca il benessere è un buon mezzo per far sì che tutto vada per il meglio evitando di assumere cibi in eccesso come le alghe che contengono alti livelli di iodio.

A motivo di ciò, i ricercatori australiani hanno messo sull’avviso tutti i fan del sushi, ricordando che non bisognerebbe mangiare più di due o tre involtini a settimana.

Per arrivare a dettare queste regole, gli scienziati hanno analizzato il contenuto di iodio di diversi prodotti di origine asiatica e hanno scoperto che vi erano elevati livelli di iodio.

Nel caso specifico, e secondo i dati poi diffusi per mezzo della Food Standards Australia New Zealand, un rotolino di sushi può contenere più di 92 microgrammi di iodio.

Si tratta di una quantità elevata, poiché le linee guida raccomandano una dose massima giornaliera di 150 microgrammi: se quindi di mangiano due o tre involtini si raggiunge praticamente il doppio della dose massima.

Cerchiamo quindi di moderare un po’ la passione e pensiamo alla nostra, per ora, silente ghiandola.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.