Articolo: Per tirarsi su, meglio le proteine

Le proteine sono in grado di bloccare l’azione inibitoria che il glucosio esercita sulle cellule cerebrali che producono orexina, una sostanza che regola lo stato di veglia e il consumo di calorie. La scoperta ha importanti implicazioni dietologiche e suggerisce che, per essere efficienti durante il giorno, è meglio uno spuntino proteico che a base di zuccheri . Le Scienze.it

 

 In una dieta non conta solo la quantità di calorie assunte, ma anche la loro provenienza. A dimostrarlo è stato uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge, che hanno scoperto – come è illustrato in un articolo pubblicato sulla rivista “Neuron” – che sono le proteine, e non lo zucchero, a tenerci svegli e a stimolare il consumo di calorie.

Stato di veglia e dispendio energetico sono modulati dall’intervento di un gruppo selezionato di cellule che secernono a livello cerebrale una sostanza, l’orexina (nota anche come ipocretina) che esplica effetti stimolanti. Una riduzione dell’attività di queste cellule può dar luogo alla narcolessia e è stata anche messa in relazione all’aumento di peso.

In precedenti lavori il gruppo aveva rilevato che la somministrazione di glucosio tende a inibire l’attività dell’orexina, un fenomeno che hanno messo in relazione con la sonnolenza post-prandiale.

Nella nuova ricerca, per approfondire i meccanismi sottostanti a questo fenomeno, hanno preso in esame la possibilità che altri nutrienti presenti nella dieta possano alterare l’azione delle “cellule del’orexina”.

A questo scopo hanno somministrato a un gruppo di topi diverse miscele di amminoacidi, registrando al contempo le reazioni di quelle cellule.

I ricercatori hanno così scoperto che gli amminoacidi – e in particolare le miscele di amminoacidi che corrispondono al contenuto dell’albume dell’uovo, sono in grado di stimolare i neuroni che rilasciano orexina in misura più elevata di quanto non facciano gli altri nutrienti. Questa azione si esplicherebbe bloccando l’attività inibitrice del glucosio sulle cellule dell’orexina.

Le conseguenze per la lotta all’obesità

Questi risultati, fra l’altro, renderebbero conto del fenomeno, finora non spiegato a livello dei cammini metabolici, per cui mentre i pasti a base di carboidrati hanno un’azione tranquillizzante, quelli proteici tendono a rendere più vigili.

“Quello che è interessante è che disponiamo di un modo per sintonizzare le cellule cerebrali su uno stato di maggiore o minore attività nel decidere che cosa mangiamo”, ha osservato Denis Burdakov, che ha diretto la ricerca. “Non tutte le cellule del cervello sono attivate in modo banale da tutti i nutrienti: la composizione della dieta è fondamentale.”

“Per combattere l’obesità e l’insonnia nella società di oggi, abbiamo bisogno di maggiori informazioni sul modo in cui la dieta influisce sulle cellule che regolano il sonno e l’appetito.

Per ora, la ricerca suggerisce che se possiamo scegliere tra la marmellata sul pane tostato e dell’albume sul pane tostato, meglio optare per quest’ultimo! Anche se entrambi contengono lo stesso numero di calorie, un po’ di proteine indurranno il corpo a bruciare più calorie di quelle consumate “.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.