Articolo: La mattina dopo_Mario Calabresi_ Ed. Mondadori

97537-mario_calabresi_la_mattina_dopo_librialMAXXI

La mattina dopoLa mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso – l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Ecco perché nel nuovo libro di Mario Calabresi, che nella sua vita si è imbattuto in più “mattine dopo”, il lettore a volte si identifica, a volte segue il flusso delle emozioni dell’autore, che parte dall’esperienza di sentirsi annunciare il suo licenziamento a «Repubblica» («mi avevano detto, con la stessa naturalezza di cui si parla del meteo, che avevano scelto un altro direttore»). La mattina dopo ha preso un aereo alle 7:30, destinazione Madrid, per andare a trovare Roberto Toscano, ex diplomatico ed editorialista, cui si sente vicino. È il suo modo per combattere l’incubo che lo accompagna nei primi giorni di questa nuova fase: sogna di guidare la riunione di redazione al mattino, dopo aver letto i giornali e aver chiesto conto di un titolo sul web che non funziona, in un ufficio in cui rimangono tutti in silenzio e inerti.

Così Calabresi racconta, con semplicità e garbo, la decisione di costruire delle giornate che avessero un senso, recuperando tutto quel che “un giorno” si riprometteva di fare e che, nella quotidianità di un’esistenza frenetica e piena, veniva inevitabilmente rimandato. Ora ha il tempo di farlo, un tempo che può diventare persino pericoloso se non lo gestisce e occupa con intelligenza.

È un libro privo di eccessi retorici, che pure sono sempre in agguato per il tema scelto. Non commuove come il primo di Mario Calabresi, Spingendo la notte più in là (Mondadori 2007), storia della perdita del 34enne padre e delle conseguenze drammatiche di quella perdita per la famiglia, ma coglie l’obiettivo: trasmette al lettore l’idea della resilienza, di dover alzare lo sguardo rifiutando di farsi imprigionare da quel che è successo. La mattina dopo si può ricominciare, più forti.

 

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.

Spesso entrando nelle varie stanze dei luoghi di cura, ho guardato fuori dalla finestra prima ancora di posare il mio sguardo su …