Articolo: Emily Bronte

EMILY   BRONTË

Corrono i mesi, gli anni fuggono via,

E canti mesti effuse l’arpa mia;

Ora note serene l’allietano

E su corde graziose la deliziano.

Che dir se il molle raggio della luna

Esala nel mattino che si sfuma?

Simbolo puro è di notte librante

E questa è giorno mio, anima errante.

Emily Jane Brontë

 

 

Figlia di un irlandese, pastore anglicano, emigrato in Inghilterra, Emily nacque nel 1828.  Poco più che adolescente commentò con la sorella maggiore Charlotte: – Che straordinaria ricchezza è saper fantasticare!-

Ma non si trattava di semplici sogni di signorinetta colta: Emily era invece una viaggiatrice silenziosa e notturna; amava Dio; amava gli animali, specialmente i più placidi e inoffensivi, quelli che tracciano sentieri vitali accanto a quelli della gente. Era religiosa, con l’intima e naturale esigenza di un misticismo che arrivava a far prevalere la mente sul corpo, con la difficile ma presente percezione che la morte fosse l’agognato abbattimento dell’ostacolo che la separava da una piena convivenza con le proprie facoltà intellettive e fantastiche. E, dunque, affrancata dal fastidio di trovarsi avvinta dalle catene del proprio corpo femminile.

Ella rifuggì in ogni possibile modo le persone rumorose, esageratamente operative e loquaci. Per lei il male era non sapersi liberare dalla soggezione alla cosiddetta realtà. Paga dei suoi rifugi notturni in cui amava dileguarsi, considerava il giorno luminoso in cupo smarrimento.  Morì a trent’anni, immersa in una pace che sento di manifestare non umana.

Ogni traduzione delle poesie di Emily rappresenta un rischio che, tuttavia, di tanto in tanto, è opportuno correre, sia pure con batticuore, nella speranza di recuperare qualche alito di quella sua vita breve e spiritualmente intensissima.

Romano

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.