Articolo: Emily Bronte

EMILY   BRONTË

Corrono i mesi, gli anni fuggono via,

E canti mesti effuse l’arpa mia;

Ora note serene l’allietano

E su corde graziose la deliziano.

Che dir se il molle raggio della luna

Esala nel mattino che si sfuma?

Simbolo puro è di notte librante

E questa è giorno mio, anima errante.

Emily Jane Brontë

 

 

Figlia di un irlandese, pastore anglicano, emigrato in Inghilterra, Emily nacque nel 1828.  Poco più che adolescente commentò con la sorella maggiore Charlotte: – Che straordinaria ricchezza è saper fantasticare!-

Ma non si trattava di semplici sogni di signorinetta colta: Emily era invece una viaggiatrice silenziosa e notturna; amava Dio; amava gli animali, specialmente i più placidi e inoffensivi, quelli che tracciano sentieri vitali accanto a quelli della gente. Era religiosa, con l’intima e naturale esigenza di un misticismo che arrivava a far prevalere la mente sul corpo, con la difficile ma presente percezione che la morte fosse l’agognato abbattimento dell’ostacolo che la separava da una piena convivenza con le proprie facoltà intellettive e fantastiche. E, dunque, affrancata dal fastidio di trovarsi avvinta dalle catene del proprio corpo femminile.

Ella rifuggì in ogni possibile modo le persone rumorose, esageratamente operative e loquaci. Per lei il male era non sapersi liberare dalla soggezione alla cosiddetta realtà. Paga dei suoi rifugi notturni in cui amava dileguarsi, considerava il giorno luminoso in cupo smarrimento.  Morì a trent’anni, immersa in una pace che sento di manifestare non umana.

Ogni traduzione delle poesie di Emily rappresenta un rischio che, tuttavia, di tanto in tanto, è opportuno correre, sia pure con batticuore, nella speranza di recuperare qualche alito di quella sua vita breve e spiritualmente intensissima.

Romano

Altri articoli dal nostro blog

Prodotto da Alter Think e condotto da Aureliano Stingi, “La Grande C” è un podcast che siarticola in dieci puntate in cui …

Il volume “I numeri del cancro in Italia 2022”, racchiude il censimento ufficiale giunto alla12esima edizione degli aspetti relativi alla diagnosi e …

Per questa settimana Anapaca vi consiglia questa interessante serie Netflix, una produzione spagnola diretta da Daniel Sanchez Arevalo. La trama Le ragazze dell’ultimo …

Classe 1964, Gianluca Vialli non ha bisogno di presentazioni: tra i migliori centravanti degli anni 80 e 90 del XX secolo oggi …

Un cancro può colpire chiunque, anche se alcune persone sono più vulnerabili di altre. Alcuni fattori di rischio, come l’ambiente, le abitudini e i comportamenti, si …

Quando nell’agosto 2012 gli hanno dato quattro mesi di vita, Leonardo Cenci ha preso una decisione: «Non se ne parla neanche, ho …

Anapaca consiglia: 50 e 50 – Un film di  Jonathan Levine (2011) La trama Adam Lerner (Joseph Gordon-Levitt) ha 27 anni e lavora …

In Italia quello della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e rappresenta il 18,5 per cento di tutti i …

Pianista, compositore, direttore d’orchestra e scrittore italiano, Giovanni Allevi è un artista che ha saputo entrare nell’immaginario collettivo delle nuove generazioni con …

Ottobre, il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno, sta giungendo a termine e vogliamo dedicare una riflessione sul valore del …

Un breve video con preziose parole condivise da una nostra volontaria, che da aprile opera presso l’hospice

Preziose cicatrici Il mio percorso di ricerca e speranza nella lotta al tumore al seno di Viviana Galimberti – Ed.Rizzoli Non è …