Articolo: Gli occhiali che scoprono il cancro

Brevettati dalla Cattolica di Roma, sono utili per la diagnosi precoce dei tumori orali. Corriere della Sera.it, aprile 2011


Sono targati Italia speciali occhiali verdi che scovano il cancro alla bocca precoce: si chiamano «Goccles» e sono stati progettati e realizzati dall’equipe dell’Unità Operativa di Chirurgia Maxillo-facciale dell’ Università Cattolica di Roma, diretta da Sandro Pelo.

I Goccles (Glasses for Oral Cancer – Curing Light Exposed – Screening) sono in grado di identificare lesioni tumorali precoci della mucosa orale e di indicarne con precisione i margini.

Il carcinoma del cavo orale ogni anno in Italia causa circa 3mila decessi. In oltre il 60% dei casi la malattia si scopre quando è già in stadio avanzato e le chance di sopravvivenza sono inferiori al 30%.

«Goccles – spiega Pelo – funziona sfruttando la luce delle lampade fotopolimerizzanti presenti in ogni studio dentistico, provocando il fenomeno dell’autofluorescenza sulla mucosa del cavo orale.

Indossando gli occhiali è possibile osservare la riduzione di autofluorescenza provocata dalle cellule tumorali o displasiche grazie a un filtro ottico molto selettivo, che permette di evidenziare i tessuti malati o in procinto di ammalarsi».

«Lo strumento è stato testato su 32 pazienti a rischio tumore, soggetti affetti da displasie e lesioni croniche o precedentemente trattati per carcinoma del cavo orale, forti fumatori e bevitori, pazienti in età avanzata«, spiega Di Nardo.

Ogni paziente è stato sottoposto a ispezione tradizionale del cavo orale, seguita da esame dell’autofluorescenza con gli occhiali. I test dimostrano che lo strumento funziona scovando tumori che possono sfuggire alla diagnosi tradizionale.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.