Articolo: Il piercing dilaga, se lo fa un giovane su tre

Il 76% degli adolescenti e il 33% degli studenti più grandi si rivolge a operatori non autorizzati. Rischi per la salute. Corriere della Sera.it, ottobre 2010

Piercing e tattoo sono sempre più diffusi tra i giovani. Tra gli adolescenti il 31,3% ha un piercing e l’11,3% un tatuaggio, mentre tra gli universitari i valori sono più alti, con il 33% che ha un buco e il 24,5% un tatuaggio. Lo rileva uno studio dell’università Parthenope di Napoli, presentato al congresso della Società italiana di igiene a Venezia, condotto su un campione di 9.322 studenti adolescenti e universitari.

Il piercing è più frequente tra le ragazze e l’età in cui si decide di lasciare un segno indelebile sulla propria pelle è abbastanza precoce: 13 anni per il piercing e 15 per il tatuaggio negli adolescenti. La motivazione più frequente tra i ragazzini (25,7%) è «sono di moda», mentre per i più grandi è «non so» (22,4%).

Preoccupante il dato della sicurezza. Anche se il 79,4% degli adolescenti e l’87,2% degli universitari dice di essere consapevole dei rischi infettivi, si tratta di conoscenze lacunose, visto che solo il 3,5% dei giovanissimi e il 15% degli studenti più grandi è in grado di individuare le infezioni virali trasmissibili con queste pratiche.

Per quanto riguarda i rischi non infettivi, solo il 2,2% dei giovanissimi e il 3,4% degli universitari prende in considerazione allergie, cicatrici e cisti. Ma il dato più preoccupante è che il 76% degli adolescenti e il 33% degli studenti più grandi si è rivolto a operatori non autorizzati.

Il che si riflette anche sui rischi cui vanno incontro i più giovani, visto che solo il 6,9% ha firmato un consenso scritto, e solo il 27,9% ha riferito che sono stati impiegati strumenti sterili e aghi monouso, contro il 70,3% degli universitari.

«È proprio non andando da tatuatori abusivi che si evitano i rischi per la salute – spiega Gaetano Fara, professore di Igiene alla Sapienza di Roma -. Sono da evitare i tatuaggi enormi, perché fanno aumentare il rischio di infezioni, e il piercing a capezzoli, naso e grandi labbra, perché possono essere strappati involontariamente e provocare fistole, oltre ad Aids ed epatite nei casi peggiori.

Purtroppo i tatuatori illegali sono tanti, almeno il 50%. Spesso sono persone che lavorano sulla sabbia o per terra, in modo improvvisato e non in grado di fare un buon servizio». (Fonte: Ansa)

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.