Articolo: Il piercing dilaga, se lo fa un giovane su tre

Il 76% degli adolescenti e il 33% degli studenti più grandi si rivolge a operatori non autorizzati. Rischi per la salute. Corriere della Sera.it, ottobre 2010

Piercing e tattoo sono sempre più diffusi tra i giovani. Tra gli adolescenti il 31,3% ha un piercing e l’11,3% un tatuaggio, mentre tra gli universitari i valori sono più alti, con il 33% che ha un buco e il 24,5% un tatuaggio. Lo rileva uno studio dell’università Parthenope di Napoli, presentato al congresso della Società italiana di igiene a Venezia, condotto su un campione di 9.322 studenti adolescenti e universitari.

Il piercing è più frequente tra le ragazze e l’età in cui si decide di lasciare un segno indelebile sulla propria pelle è abbastanza precoce: 13 anni per il piercing e 15 per il tatuaggio negli adolescenti. La motivazione più frequente tra i ragazzini (25,7%) è «sono di moda», mentre per i più grandi è «non so» (22,4%).

Preoccupante il dato della sicurezza. Anche se il 79,4% degli adolescenti e l’87,2% degli universitari dice di essere consapevole dei rischi infettivi, si tratta di conoscenze lacunose, visto che solo il 3,5% dei giovanissimi e il 15% degli studenti più grandi è in grado di individuare le infezioni virali trasmissibili con queste pratiche.

Per quanto riguarda i rischi non infettivi, solo il 2,2% dei giovanissimi e il 3,4% degli universitari prende in considerazione allergie, cicatrici e cisti. Ma il dato più preoccupante è che il 76% degli adolescenti e il 33% degli studenti più grandi si è rivolto a operatori non autorizzati.

Il che si riflette anche sui rischi cui vanno incontro i più giovani, visto che solo il 6,9% ha firmato un consenso scritto, e solo il 27,9% ha riferito che sono stati impiegati strumenti sterili e aghi monouso, contro il 70,3% degli universitari.

«È proprio non andando da tatuatori abusivi che si evitano i rischi per la salute – spiega Gaetano Fara, professore di Igiene alla Sapienza di Roma -. Sono da evitare i tatuaggi enormi, perché fanno aumentare il rischio di infezioni, e il piercing a capezzoli, naso e grandi labbra, perché possono essere strappati involontariamente e provocare fistole, oltre ad Aids ed epatite nei casi peggiori.

Purtroppo i tatuatori illegali sono tanti, almeno il 50%. Spesso sono persone che lavorano sulla sabbia o per terra, in modo improvvisato e non in grado di fare un buon servizio». (Fonte: Ansa)

Altri articoli dal nostro blog

Prodotto da Alter Think e condotto da Aureliano Stingi, “La Grande C” è un podcast che siarticola in dieci puntate in cui …

Il volume “I numeri del cancro in Italia 2022”, racchiude il censimento ufficiale giunto alla12esima edizione degli aspetti relativi alla diagnosi e …

Per questa settimana Anapaca vi consiglia questa interessante serie Netflix, una produzione spagnola diretta da Daniel Sanchez Arevalo. La trama Le ragazze dell’ultimo …

Classe 1964, Gianluca Vialli non ha bisogno di presentazioni: tra i migliori centravanti degli anni 80 e 90 del XX secolo oggi …

Un cancro può colpire chiunque, anche se alcune persone sono più vulnerabili di altre. Alcuni fattori di rischio, come l’ambiente, le abitudini e i comportamenti, si …

Quando nell’agosto 2012 gli hanno dato quattro mesi di vita, Leonardo Cenci ha preso una decisione: «Non se ne parla neanche, ho …

Anapaca consiglia: 50 e 50 – Un film di  Jonathan Levine (2011) La trama Adam Lerner (Joseph Gordon-Levitt) ha 27 anni e lavora …

In Italia quello della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e rappresenta il 18,5 per cento di tutti i …

Pianista, compositore, direttore d’orchestra e scrittore italiano, Giovanni Allevi è un artista che ha saputo entrare nell’immaginario collettivo delle nuove generazioni con …

Ottobre, il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno, sta giungendo a termine e vogliamo dedicare una riflessione sul valore del …

Un breve video con preziose parole condivise da una nostra volontaria, che da aprile opera presso l’hospice

Preziose cicatrici Il mio percorso di ricerca e speranza nella lotta al tumore al seno di Viviana Galimberti – Ed.Rizzoli Non è …