Articolo: Il pomodoro (cotto) protegge la prostata

Se cucinato intero, con semi e buccia, il re della cucina mediterranea mostra un’efficace attività antitumorale. Donatella Barus (Fondazione Veronesi), Corriere della Sera.it

Intero, con buccia e semi compresi, e cotto: così va portato in tavola il pomodoro per proteggere la salute maschile. Da tempo il re della cucina mediterranea è studiato per le sue proprietà anticancro, soprattutto per uno dei suoi componenti, il licopene. Ora però uno studio italiano sostiene che il pomodoro nella sua interezza sia molto più efficace dei singoli micronutrienti nella prevenzione del tumore della prostata.

La dimostrazione delle virtù del pomodoro cotto proviene da uno studio su modelli animali condotto dagli esperti del Centro Scienze dell’Invecchiamento dell’università di Chieti, in collaborazione con l’università Federico II di Napoli, e pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research.

Così Manuela Iezzi, ricercatrice del centro abruzzese, spiega come può essere che a livello di prevenzione il sugo sia più interessante di un integratore: «Abbiamo appurato che una dieta arricchita con pomodoro intero, specie se cotto e con la buccia, come accade nelle più tipiche preparazioni della cucina mediterranea, riduce lo sviluppo dei tumori della prostata e i fattori infiammatori coinvolti nel processo tumorale. Molto più di quanto può accadere assumendo un solo componente, come il licopene».

I ricercatori dell’Università di Chieti hanno simulato su topi da laboratorio manipolati geneticamente gli stadi di un tumore della prostata umano. Una parte degli animali è stata nutrita con estratto di pomodori cotti della varietà “ciliegino”, in quantità pari al 10 per cento della dieta giornaliera.

In questo gruppo di soggetti la sopravvivenza è aumentata (dall’11 al 67 per cento), il tumore è evoluto più lentamente, c’è stata una maggiore attività antiossidante e un minor livello nell’organismo dei marcatori dell’infiammazione (quest’ultimo è un processo particolarmente importante nella formazione dei tumori che colpiscono la ghiandola prostatica).

«L’indagine è stata finanziata da programmi di ricerca di sviluppo industriale che vedono la collaborazione del settore pubblico e di alcune aziende alimentari – spiega ancora Manuela Iezzi – ed è servita, fra l’altro, a provare che non tutte le preparazioni e non tutte le qualità di pomodoro offrono gli stessi benefici in termini di chemioprevenzione».

Il tumore della prostata è la seconda forma di cancro più diffusa fra gli uomini (dopo quello al polmone) e la prima nei Paesi più ricchi. Oltre ai pomodori, i nutrienti più spesso studiati in relazione ai tumori prostatici sono il tè verde (ricco di polifenoli antiossidanti), la soia, la melagrana, oltre a singoli nutrienti come il selenio, la vitamina D e la vitamina E.

I risultati non sono univoci, ma gli esperti concordano sugli effetti protettivi di una dieta equilibrata e varia, ricca di frutta e verdura.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.