Articolo: La meditazione che spegne i dolori

La pratica zen sarebbe in grado di disattivare le aree del cervello che elaborano gli stimoli dolorosi. Lisa Trisciuoglio


Chi medita percepisce il dolore, ma non lo elabora come tale. Questa, in sintesi, la scoperta dei ricercatori dell’Università di Montreal, pubblicata su Pain, una delle più prestigiose riviste nel campo dello studio del dolore e del suo trattamento.

Nei cultori di questa pratica non vengono solo riscontrate risposte più attenuate al dolore, ma è stato possibile riscontrare anche il vero e proprio spegnimento di quelle aree del cervello che permettono di capire, valutare ed emozionarsi.

Già lo scorso febbraio un gruppo di scienziati dell’Università di Montreal aveva pubblicato una ricerca secondo cui la meditazione zen sarebbe in grado di aiutare a sopportare il dolore inducendo modificazioni nella struttura del cervello.

Ma i ricercatori canadesi hanno deciso di andare oltre, per capire a fondo il presunto meccanismo analgesico dell’antica pratica orientale.

«Chi pratica la meditazione zen è conscio del dolore – spiega Pierre Rainville, che ha coordinato il nuovo lavoro -, ma il suo cervello non elabora questa sensazione in maniera canonica, cioè in quelle aree (la corteccia prefrontale, l’amigdala e l’ippocampo) deputate al ragionamento, alla valutazione e all’emozione.

Sente il dolore ma in qualche modo è come se si astenesse dall’etichettare lo stimolo stesso come doloroso».

La ricerca ha coinvolto 13 cultori di questa pratica e altrettante persone che invece non vi si erano mai dedicate: a tutti l’attività cerebrale è stata monitorata con la risonanza magnetica funzionale dopo che era stato prodotto uno stimolo doloroso. In parallelo sono state raccolte le sensazioni provate dai partecipanti allo studio.

«I meditatori, in particolare quelli con maggiore esperienza, hanno riportato di aver percepito meno dolore rispetto agli altri, risultato questo che si correla perfettamente con la minore attività cerebrale riscontrata nella corteccia prefrontale, nell’amigdala e nell’ippocampo – spiega Rainville -.

In questi individui lo stimolo doloroso viene percepito come in tutti gli altri a livello della corteccia cingolata anteriore, del talamo e dell’insula, ma poi non viene trasmesso a quelle aree del cervello che devono elaborarlo, e quindi la sensazione dolorosa risulta attenuata».

«I nostri risultati – continua Joshua Grant, principale autore della ricerca – cambiano l’attuale concezione di controllo mentale, che non si raggiunge aumentando l’attività cognitiva, ma, al contrario, in maniera del tutto passiva, ovvero spegnendo alcune aree del cervello, in questo caso quelle normalmente coinvolte nell’elaborazione del dolore».

«Sento, capisco, soffro: così Mario Tiengo, professore emerito di Fisiopatologia e terapia del dolore dell’Università Statale di Milano, scomparso lo scorso settembre, era riuscito a sintetizzare in tre semplici parole l’essenza del dolore – racconta Paolo Grossi, presidente per l’Italia dell’ESRA (European Society of Regional Anesthesia and Pain Treatment) e responsabile del Servizio di Anestesia locoregionale e terapia del dolore al Policlinico San Donato di Milano -.

Tutti sentono il dolore, ma, come dimostrano anche i ricercatori canadesi, l’entità della sensazione provata dipende da come lo stimolo viene elaborato dalla mente, ovvero dall’interpolazione fra la situazione in cui ci si trova e ciò che il dolore rappresenta.

L’esempio del soldato è uno dei più calzanti: per chi è in guerra, un ferimento significa il ritorno a casa. Ecco perché i soldati feriti hanno una percezione molto attenuata del dolore.

Per un malato terminale il dolore è invece il sintomo di un destino purtroppo già segnato, e quindi viene spesso sentito con ancora più intensità – spiega Grossi, che di Tiengo è stato allievo -.

I risultati pubblicati su Pain sono quindi sicuramente meritevoli di attenzione da parte della comunità scientifica, ma è ancora lunga la strada da percorrere perché queste conoscenze trovino un’applicazione nei reparti degli ospedali» conclude l’anestesista milanese.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.