Articolo: Quelle staminali dell’anima che ci aiutano a cambiare

L’opinione di Francesco Alberoni, Corriere della Sera.it, gennaio 2010. Ogni nuova fase è una rinascita, un ricominciamento. Qualche volta il rinnovamento

Oggi sappiamo che ciascuno di noi porta in sé le staminali, cellule indifferenziate e totipotenti che possono diventare qualsiasi tessuto e qualsiasi organo. Ma sul piano psichico, mentale, l’uomo ha addirittura la capacità di rivoluzionarsi, di rinascere, quasi di generare un nuovo sé stesso. Le forze che ci consentono questo rinnovamento possono essere considerate le staminali dell’anima. Alcuni ne fanno poco uso, altri è come se rinascessero un’altra volta.

Il rinnovamento creativo non è mai solo intellettuale, coinvolge la persona nel suo complesso, è sempre anche un uragano di emozioni, di passioni. Noi possiamo cambiare città, fare un nuovo lavoro senza essere toccati interiormente, rivoluzionati interiormente. Ci adattiamo all’ambiente e possiamo anche fare delle cose pregevoli. Ma è completamene diverso quando il mutamento viene dal nostro interno.

Allora è come se emergesse e prendesse la parola un nuovo noi stesso, uscito dalle staminali dell’anima. Michelangelo non voleva dipingere la Cappella Sistina. Lo faceva per obbligo, senza convinzione e il risultato era mediocre. Poi un giorno ha intuito che poteva rappresentarvi la storia dell’umanità dalla creazione alla fine: è stato come il big bang, un flusso di energia creativa da cui è sorto un nuovo mondo. Tutti i grandi artisti hanno delle fasi, dei periodi come in Picasso il periodo blu, il periodo rosa, il periodo africano, il cubismo etc…

Ogni nuova fase è una rinascita, un ricominciamento. Qualche volta il rinnovamento è così grande, come nell’innamoramento o nella conversione religiosa, che il personaggio sembra diventato veramente diverso e più giovane non solo per la freschezza intellettuale ed emotiva, ma perfino nell’aspetto e nella gestualità. Alcuni autori, pensiamo a Lawrence e a Nabokov, hanno scritto le loro opere più innovative, e più rivoluzionarie («L’amante di Lady Chatterley» e «Lolita»), da adulti, lasciando sconcertati i loro amici e famigliari.

Ma non sono solo i grandi artisti a rinnovarsi. Tutti noi conosciamo persone che, dopo aver lavorato a lungo come impiegati o come insegnanti, ad un certo punto della loro vita hanno rotto la routine e liberato nuove potenzialità. C’è chi ha creato un ristorante, chi un negozio, chi una impresa, c’è chi ha scritto libri di favole o inventato giocattoli, bellissime bambole. Alcuni hanno scoperto tardi la loro vocazione letteraria e sono diventati dei famosi giallisti. Emanuele Kant era avanti negli anni quando ha addirittura rivoluzionato la filosofia.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.