Articolo: Sono le persone che fanno la differenza

IMG_3451

Il mercato in cui più amo fare la spesa è quello di Porta Palazzo.  Il più grande mercato all’aperto d’Europa.
Lo amo perché è colorato, multietnico, ricchissimo di prodotti e, non ultimo,economico

A Porta Palazzo non ti sembra di essere a Torino, potresti essere ovunque
Ma il motivo per cui lo amo maggiormente sono le persone.
Le persone che vanno a fare la spesa lì, di tutte le razze e le nazioni: dal ristoratore cinese che compra tre chili di creste di gallo alla signora meridionale, emigrata a Torino quarant’anni fa, che ancora mantiene l’accento di casa, alle bellissime donne africane, con i bambini legati addosso avvolte nei loro kanga coloratissimi. 

A Porta Palazzo trovi tutti. Mescolati in un pentolone di umanità variegata. Ed è bello così.
E poi ci sono i venditori: dopo alcuni anni, alcune fregature prese e diverse prove ho identificato i miei punti di riferimento. 
Nel mare magnum del mercato ho una manciata di mercatari con cui ho instaurato ormai un rapporto di fiducia
Si compra, si chiacchiera, ci si fa raccontare da dove proviene la merce, come vanno le cose, si commenta il numero immenso di francesi che sbarcano con i pullman al mercato ogni sabato. 
Le difficoltà dovute al clima, troppo caldo, troppo freddo. Insomma, si instaura un rapporto. E anche questo è bello. 

Sono le persone che fanno la differenza. Le fragole possono essere più o meno buone (purché non siano marce). 
Ma se assieme alle fragole si portano a casa anche due chiacchiere è tutto più bello.

Ecco. Le relazioni umane. Quelle fanno la differenza per ogni associazione
Le persone che accolgono, rispondono al telefono, alle mail. 
La qualità dei rapporti umani è determinante, qualunque servizio si offra, qualunque lavoro si svolga.
La professionalità, la preparazione sono importantissime. 
La scortesia, la rigidità nei rapporti umani possono spazzare via in un sol colpo qualunque buon lavoro.
Se non hai ancora letto le ultime interviste del mio blog, le trovi qui. Storie che ispirano, che fanno riflettere anche sulle relazioni umane:
Flavia Chiarelli Sport Marketing Manger
Monia Azzalini Media Analyst

 

Segreteria – 24 maggio 2018

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.