Articolo: Storie di vita – esperienza di un volontario

aiuto anziani

14 Gennaio 2019,
citando Fabio Veglia, docente straordinario che sa come accarezzare l’anima, ed ispirandomi alla sua opera “Storie di vita”, ho deciso di scrivere le mie, le mie storie di vita. In realtà non sono propriamente mie, non le vivo in prima persona, ma le ascolto, le accolgo e mi ci nutro.
Non mi è mai piaciuto leggere, non sono mai stata una grande lettrice, seppur conosca la grande ricchezza che può derivarne: Umberto Eco diceva che “Chi non legge avrà vissuto una vita sola: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni”. Logicamente non posso dire di non aver mai letto, ma posso sinceramente ammettere, seppur con un filo di vergogna, di averlo fatto spesso per dovere scolastico e non per diletto personale. Eppure esiste una cosa che mi piace fare e che trovo ancora più arricchente della lettura: ascoltare. Ascoltare le storie di altri, che poi diventano un po’ mie. Le mie storie di vita. E iniziando questo percorso da volontaria Anapaca, ho deciso di scrivere le storie di vita di persone incontrate all’Istituto di Candiolo. Sono storie di vita proprio perché chi si trova di fronte alla malattia e all’eventualità della morte, conosce meglio di chiunque altro quale sia il valore dell’esistenza. E Anna e la sua storia di vita ne sono un vivido emblema.
Anna
In psicologia si tende a cambiare i nomi delle persone citate per proteggerne la privacy. Di Anna non modificherò il nome. Anna è Anna e questa è la sua storia di vita.
Anna ha iniziato a frequentare l’Istituto 13 anni fa: le era stato diagnosticato un cancro al seno, cancro che è stato debellato, seppur non sia corretto parlare di guarigione perché come si sa e come spesso si sente dire in ambiente oncologico: di cancro non si guarisce. Nel 2018 le diagnosticano ancora un cancro, questa volta al fegato e al colon: Anna viene nuovamente operata, un intervento di 12 ore in piedi, per far sì che i liquidi fluiscano e non inficino l’operazione. Anna lamenta che da allora la schiena non le dà tregua, la sente accartocciata.
Anna è sola. Ha perso il marito e da 8 anni non vede e non sente il figlio. Non ha più una famiglia e proprio quando parla di questa sua solitudine gli occhi le diventano leggermente lucidi. Dice di essere spesso invitata alle ricorrenze, come il Natale, da persone a lei care, ma la mancanza di quel legame di sangue, il fatto che non rappresentino la sua famiglia, la fanno sentire fuori posto e anzi evidenziano ancor di più quello che a lei manca. Anna è grintosa, forte, coraggiosa e positiva perché sì, è proprio l’ottimismo, il fatto di vedere il lato positivo di ogni cosa che la contraddistinguono. La vita secondo lei va vissuta così, altrimenti non ha senso definirla tale. Dice “ancora non sono riusciti a sotterrarmi”.
Anna da quando ha perso il marito ha un compagno fisso che non l’abbandona mai, neppure nei momenti più duri; un compagno che accoglie quello di più intimo e personale che lei non riesce a tenere dentro, perché fa male; un compagno su cui lei sa di poter contare e che l’aiuta ad elaborare le proprie sensazioni: si tratta della scrittura. Anna scrive, narra la sua storia di vita e da quando si reca a Candiolo, ha iniziato a raccontare anche le storie di vita degli altri: mentre aspetta nella sala d’attesa del day hospital, osserva le espressioni dei volti di chi le sta intorno, sa riconoscere chi è lì per la prima volta, lo si vede da quell’espressione caratteristica di incertezza e paura mi dice.
Anna quando deve venire a Candiolo dice che si sta recando alla Beauty Farm: conosce l’Istituto a menadito così come il personale che vi lavora. È a casa. È meno sola.
Anna con i suoi occhi pieni di vita ha un progetto: andare in Andalusia e concludere quel giro della Spagna che aveva intrapreso ed era stata costretta ad interrompere proprio a causa della nuova diagnosi di cancro. Non mi resta che augurarle di riuscirci e di ringraziarla perché la sua storia di vita ha un valore inestimabile.
Ad Anna, la scrittrice di storie di vita, grazie.

 

Beatrice Bianciotto, 14 gennaio 2019

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.