Articolo: Vai a trovare la mamma

20180711_160228[1]

So cucinare due uova al padellino e cuocermi una pasta. La mia capacità culinaria non va oltre. Così quando incontrai Lucia (il nome è inventato) mi trovai non poco in difficoltà nel sostenere un dialogo per lo più imperniato sulla sua grande passione per la cucina.  Lei  amava molto cucinare, e lo faceva non tanto per il culto del cibo in sé quanto per poter dispensare piacere nella sua famiglia. Doveva essere un gran bel modello di presenza materna in casa, imponente e determinata ma allo stesso tempo accogliente e dolce. Me la immaginavo nella sua cucina mentre preparava la tavola e aggiustava con cura la posizione delle posate come fosse una coccola per la persona che vi si sarebbe seduta poco dopo. Conosceva ricette ricercate e trucchi del mestiere, tempi di cottura, dosaggi e tant’altre misteriose alchimie. Mentre parlava quasi si immaginavano i profumi aromatici di arrosto o dolci alla vaniglia.

Ma l’odore della sua camera era asettico e il lungo isolamento nel quale era costretta le faceva desiderare qualunque possibile contatto sensoriale con l’esterno. “Ho voglia di sentire la puzza di smog” mi disse un giorno. E ancora: “almeno i carcerati hanno un’ora d’aria ogni tanto…”. Il suo sistema immunitario malato la costringeva ad una camera d’ospedale con le finestre sigillate, ove le visite erano limitate e anche il contatto visivo con ospiti e personale era osteggiato dalle mascherine sul viso e da tutte le altre protezioni che avvolgevano coloro che la avvicinano.

Tuttavia la signora Lucia aveva una ricetta anche per il suo buonumore. Che non perdeva mai. La quantità di zucchero e l’impasto sono importanti per fare dei buoni dolci. Le meringhe per esempio….

Sentendo parlare di meringhe mi ritornò alla mente un episodio della mia giovinezza quando decisi che da grande avrei fatto il pasticcere. Nonostante i capelli dritti di mia madre, diedi mano al forno e iniziai proprio a fare le meringhe. Uno, due, …, dieci tentativi tutti senza successo. Da quel forno non veniva fuori nulla di più che palline mollicce prive di alcuna attrattiva. Ecco forse perché poi ho fatto un altro mestiere ed ho perso ogni passione per la cucina.

Lo raccontai a Lucia e ne nacque una animata discussione, volle conoscere nei minimi particolari le fasi della mia preparazione e corresse ad uno ad uno tutti i miei errori. E la cottura deve durare almeno quattro ore. Le meringhe non devono cuocere, devono essiccare.

“Ho capito, mi vien quasi voglia di riprovarci” le dissi “sa signora Lucia, oggi i miei figli non sono a casa e ho l’intero pomeriggio libero, quasi quasi mi dedico alla sua ricetta”.

Seguì qualche attimo di silenzio, lei guardò fuori dalla finestra, poi rivolse lo sguardo verso di me, i suoi occhi erano densi di esperienze che non conoscevo. Per qualche istante ancora fu solo lei a parlare con il suo profondo silenzio. “Le meringhe possono aspettare” mi disse alla fine “se ha il pomeriggio libero telefoni ad un amico che non vede da tanto tempo oppure vada a trovare sua mamma”.

Quel giorno uscii dall’ospedale con la sensazione di essere ricco, molto ricco. Entrai in uno di quei splendidi negozi che assomigliano alle vecchie drogherie con semi oleosi, frutta secca e ogni sorta di cereali. Ordinai tre etti di prugne secche. Mia mamma va matta per le prugne secche, quelle col nocciolo, che sono le più gustose.

 

Sergio Forno – 11 luglio 2018

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.