Articolo: Digiuno, che stress!

Milioni di persone, di ogni fede e provenienza, hanno aderito alla giornata planetaria di ‘preghiera e digiuno’ per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero, voluta da Papa Francesco. Una conferma di come il digiuno non significhi soltanto privarsi degli alimenti. Rosanna Dassisti, Cnr

 

 

“Il digiuno è sempre simbolico, è una purificazione”, spiega il teologo e biblista, padre gesuita Silvano Fausti. “Si tratta di trovare in sé la propria libertà interiore, di entrare in una relazione corretta e libera con le cose e con gli altri: ciascuno decide in coscienza ciò da cui astenersi, le cose che lo rendono schiavo o con le quali rende schiavi gli altri”.

“L’astinenza dal mangiare e dal bere viene praticata per ragioni di fede o morali in diverse religioni e culture, a simboleggiare il distacco dalle passioni che, idealmente, culminerebbe nel lasciarsi volontariamente morire di fame”, aggiunge Gennaro Spera, medico del Consiglio nazionale delle ricerche.

“Non toccavano cibo gli antichi greci prima di consultare l’oracolo, così come fanno gli sciamani africani per mettersi in contatto con gli spiriti, come se il digiuno favorisse la chiarezza di visione e le introspezioni mistiche”.

Molte persone ricorrono poi al digiuno spinte da mode o convinzioni alimentari e salutistiche talvolta discutibili, considerandolo una forma di purificazione fisica, volta a eliminare le tossine accumulate a causa di un regime alimentare sbagliato. Dannoso e pericoloso per la salute, secondo la medicina tradizionale, per i fautori di quella considerata ‘alternativa’ avrebbe invece effetti benefici.

“Comunque sia, il digiuno, come l’attività fisica, rappresenta uno stress per l’organismo”, prosegue Spera. “Mentre lo sport però porta a un miglioramento delle capacità organiche, il digiuno si muove in direzione opposta: la prolungata mancanza di assunzione di nutrienti riduce le masse muscolari e il metabolismo basale (fino al 40% nei casi estremi), con conseguenze quali annebbiamento della mente e diminuzione della capacità di concentrazione, debilitazione, diminuzione della forza muscolare”.

Negli ultimi anni si è occupato del digiuno cosiddetto “breve” un team di ricercatori del National Institute on Ageing di Baltimora, secondo cui proteggerebbe il cervello da malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.

“Questa affermazione nasce dall’osservazione dell’aumento del 40% della longevità di cavie sottoposte a un introito decisamente tipo calorico. Gli studiosi suppongono quindi che un basso apporto calorico favorisca la crescita dei neuroni e riduca lo stress al quale sono sottoposte le cellule cerebrali, favorendone la crescita”. riferisce il medico del Cnr, Il principio va però applicato con buon senso.

“Dopo un cenone, per esempio, è utile seguire per un paio di giorni una dieta ipocalorica, ricca di liquidi e verdure”, conclude Spera. “L’importante è associare a questi alimenti anche una certa quantità di proteine, magari ricavate da pesci magri e di facile digestione, e di grassi, per esempio consumando una manciata di frutta secca. In questo modo si evita di ‘cannibalizzare i propri muscoli’ e di deprimere eccessivamente il proprio metabolismo”.

Altri articoli dal nostro blog

Prodotto da Alter Think e condotto da Aureliano Stingi, “La Grande C” è un podcast che siarticola in dieci puntate in cui …

Il volume “I numeri del cancro in Italia 2022”, racchiude il censimento ufficiale giunto alla12esima edizione degli aspetti relativi alla diagnosi e …

Per questa settimana Anapaca vi consiglia questa interessante serie Netflix, una produzione spagnola diretta da Daniel Sanchez Arevalo. La trama Le ragazze dell’ultimo …

Classe 1964, Gianluca Vialli non ha bisogno di presentazioni: tra i migliori centravanti degli anni 80 e 90 del XX secolo oggi …

Un cancro può colpire chiunque, anche se alcune persone sono più vulnerabili di altre. Alcuni fattori di rischio, come l’ambiente, le abitudini e i comportamenti, si …

Quando nell’agosto 2012 gli hanno dato quattro mesi di vita, Leonardo Cenci ha preso una decisione: «Non se ne parla neanche, ho …

Anapaca consiglia: 50 e 50 – Un film di  Jonathan Levine (2011) La trama Adam Lerner (Joseph Gordon-Levitt) ha 27 anni e lavora …

In Italia quello della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e rappresenta il 18,5 per cento di tutti i …

Pianista, compositore, direttore d’orchestra e scrittore italiano, Giovanni Allevi è un artista che ha saputo entrare nell’immaginario collettivo delle nuove generazioni con …

Ottobre, il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno, sta giungendo a termine e vogliamo dedicare una riflessione sul valore del …

Un breve video con preziose parole condivise da una nostra volontaria, che da aprile opera presso l’hospice

Preziose cicatrici Il mio percorso di ricerca e speranza nella lotta al tumore al seno di Viviana Galimberti – Ed.Rizzoli Non è …