Articolo: Digiuno, che stress!

Milioni di persone, di ogni fede e provenienza, hanno aderito alla giornata planetaria di ‘preghiera e digiuno’ per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero, voluta da Papa Francesco. Una conferma di come il digiuno non significhi soltanto privarsi degli alimenti. Rosanna Dassisti, Cnr

 

 

“Il digiuno è sempre simbolico, è una purificazione”, spiega il teologo e biblista, padre gesuita Silvano Fausti. “Si tratta di trovare in sé la propria libertà interiore, di entrare in una relazione corretta e libera con le cose e con gli altri: ciascuno decide in coscienza ciò da cui astenersi, le cose che lo rendono schiavo o con le quali rende schiavi gli altri”.

“L’astinenza dal mangiare e dal bere viene praticata per ragioni di fede o morali in diverse religioni e culture, a simboleggiare il distacco dalle passioni che, idealmente, culminerebbe nel lasciarsi volontariamente morire di fame”, aggiunge Gennaro Spera, medico del Consiglio nazionale delle ricerche.

“Non toccavano cibo gli antichi greci prima di consultare l’oracolo, così come fanno gli sciamani africani per mettersi in contatto con gli spiriti, come se il digiuno favorisse la chiarezza di visione e le introspezioni mistiche”.

Molte persone ricorrono poi al digiuno spinte da mode o convinzioni alimentari e salutistiche talvolta discutibili, considerandolo una forma di purificazione fisica, volta a eliminare le tossine accumulate a causa di un regime alimentare sbagliato. Dannoso e pericoloso per la salute, secondo la medicina tradizionale, per i fautori di quella considerata ‘alternativa’ avrebbe invece effetti benefici.

“Comunque sia, il digiuno, come l’attività fisica, rappresenta uno stress per l’organismo”, prosegue Spera. “Mentre lo sport però porta a un miglioramento delle capacità organiche, il digiuno si muove in direzione opposta: la prolungata mancanza di assunzione di nutrienti riduce le masse muscolari e il metabolismo basale (fino al 40% nei casi estremi), con conseguenze quali annebbiamento della mente e diminuzione della capacità di concentrazione, debilitazione, diminuzione della forza muscolare”.

Negli ultimi anni si è occupato del digiuno cosiddetto “breve” un team di ricercatori del National Institute on Ageing di Baltimora, secondo cui proteggerebbe il cervello da malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.

“Questa affermazione nasce dall’osservazione dell’aumento del 40% della longevità di cavie sottoposte a un introito decisamente tipo calorico. Gli studiosi suppongono quindi che un basso apporto calorico favorisca la crescita dei neuroni e riduca lo stress al quale sono sottoposte le cellule cerebrali, favorendone la crescita”. riferisce il medico del Cnr, Il principio va però applicato con buon senso.

“Dopo un cenone, per esempio, è utile seguire per un paio di giorni una dieta ipocalorica, ricca di liquidi e verdure”, conclude Spera. “L’importante è associare a questi alimenti anche una certa quantità di proteine, magari ricavate da pesci magri e di facile digestione, e di grassi, per esempio consumando una manciata di frutta secca. In questo modo si evita di ‘cannibalizzare i propri muscoli’ e di deprimere eccessivamente il proprio metabolismo”.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.