Articolo: Come la dieta influenza il tumore del colon

Scoperti i meccanismo con cui i cibi dialogano con i recettori a livello dei villi intestinali. Dal sito AIRC


Le cause del tumore del colon non sono ancora state identificate con certezza. Si è scoperto, per esempio, che esiste una componente di rischio di tipo ereditario, legata alla familiarità, ma esistono anche numerosi studi clinici a sostegno dell’importanza dell’alimentazione nel determinare l’insorgenza di questa patologia: una dieta ricca di proteine e grassi animali e povera di fibre (verdura e frutta) sembra infatti un fattore di rischio da non trascurare.

Ilenia D’Errico e Antonio Moschetta, del Consorzio Mario Negri Sud, due ricercatori che lavorano anche con il sostegno di AIRC, hanno chiarito alcuni dei possibili meccanismi attraverso i quali la dieta può influenzare la formazione di un cancro nell’intestino in un articolo recentemente pubblicato su Cellular and Molecular Life Sciences.

L’epitelio che ricopre l’intestino ha una struttura molto particolare: la superficie rivolta verso l’interno del tubo digerente è costituita da una serie di strutture sporgenti, i villi, che servono ad aumentare la superficie di assorbimento. Alla base dei villi si trovano delle ghiandole chiamate cripte che contengono, tra l’altro, anche le cellule staminali che poi daranno origine alle cellule epiteliali vere e proprie e si muoveranno lungo i villi fino a raggiungere la loro posizione finale sulla superficie dell’epitelio.

La regolazione e il mantenimento di questa struttura è garantito da una serie di molecole, dette fattori trascrizionali, che regolano l’espressione di specifici geni. Il gene Wnt gioca un ruolo di primo piano in questi processi: mutazioni nella catena di eventi regolata da Wnt contribuiscono in maniera decisiva all’insorgenza del tumore colonrettale.

Cosa c’entra dunque l’alimentazione? Wnt interagisce con una famiglia di molecole note come recettori nucleari, che agiscono come veri e propri sensori di segnali che arrivano dalla dieta e in grado di trasformare gli stimoli di tipo nutrizionale e ormonale in messaggi che attivano o bloccano l’espressione dei geni.

Proprio su questi recettori nucleari e sulla descrizione del loro ruolo nei processi di formazione del cancro del colon e di mantenimento della struttura dell’epitelio intestinale si basa il lavoro di D’Errico e Moschetta: la comprensione dei meccanismi molecolari alla base della trasformazione delle cellule intestinali nel loro viaggio dalla base alla cima del villo aprirà nuove strade nella diagnostica precoce ed eventualmente nel trattamento dei tumori, grazie all’interferenza di farmaci specifici per questo processo.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.