Articolo: Mangiare davanti al pc fa ingrassare

Una ricerca  dell’Università di Bristol ha messo a confronto due gruppi di “mangiatori” e scoperto che, con la stessa quantità di alimenti assunti, chi aveva consumato il pasto mentre giocava al computer aveva “conservato” l’appetito. Valeria Pini, Repubblica.it


Il panino o un piatto sazia di meno se consumato con gli occhi incollati al computer. Scene che si ripetono ogni giorno negli uffici, ma anche a casa. Per continuare a leggere mail e a lavorare non si abbandona il pc neanche per la pausa pranzo e c’è chi continua  anche la sera, magari chattando con gli amici o collegandosi a Facebook.

Ora arriva la notizia che tutto questo potrebbe mettere a rischio la linea anche quando si tratta di un semplice snack o di un pasto è leggero. Lo rivela uno studio dei ricercatori dell’università di Bristol 1, pubblicato dalla rivista American Society for Nutrition. Mangiare rimanendo alla tastiera, infatti, ci rende molto più propensi a cedere a uno spuntino nell’arco della giornata.

Per arrivare a questa tesi, gli studiosi hanno dato lo stesso tipo di pranzo, composto da nove alimenti differenti, a due gruppi di persone, un primo intento a giocare al computer, un secondo seduto normalmente a tavola e senza distrazioni.

Subito dopo aver mangiato, coloro che avevano passato il tempo affrontando un “solitario” al pc, provavano molto meno il senso di sazietà rispetto al secondo gruppo.

Inoltre una mezz’ora più tardi questi stessi volontari avevano mangiato il doppio di biscotti rispetto agli altri e tendevano ad avere maggiori difficoltà nel ricordare l’ordine degli alimenti che avevano consumato nell’arco della giornata.

Secondo gli studiosi dell’Università di Bristol, distrarsi mentre si è intenti a mangiare può quindi comportare una maggiore assunzione di calorie nel corso della giornata, mettendo a rischio la linea. Fra l’altro, chi mangia di fronte al pc, si sazia di meno e tende quindi ad assumere più quantità di cibo.

“Questa scoperta si aggiunge ad altre che hanno messo in evidenza   –  spiega Jeff Brunstrom, fra gli autori della ricerca  –  quanto la memoria sia strettamente collegata all’appetito delle persone. C’è un rapporto diretto tra ricordo e quantità di cibo consumata”.

Lo studio dell’Università di Bristol rivela ancora una volta quanto il computer vada sempre utilizzato con un occhio particolare alla salute. E’ essenziale non dimenticare di fare delle pause. Passare troppe ore davanti allo schermo può portare a un’eccessiva sedentarietà, con conseguente soprappeso.

Vanno inoltre evitate posture scorrette che possono provocare dolori muscolo-scheletrici e infine un uso sbagliato del pc può provocare stress o affaticare la vista.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.