Articolo: Questi i veri cibi anticancro

Pomodori per salvare la prostata. Cavolfiori e broccoli per il seno. Tè per la pelle e il colon. E poi, naturalmente, arance. L’oncologo Umberto Veronesi fa un po’ di chiarezza sui vegetali che possono aiutare prevenire i tumori. Da L’Espresso.it, gennaio 2011

E’ ormai assodato che una dieta scorretta è responsabile di circa un tumore su tre, anche se ci sono ancora alcune zone d’ombra su quanto pesi davvero l’apporto di vegetali freschi. Abbiamo chiesto a Umberto Veronesi una parola chiara sull’argomento.

Alcuni studi recenti hanno messo in discussione lo specifico contributo dei vegetali alla diminuzione del rischio cancro.
“Lo studio che ha fatto più rumore è probabilmente quello pubblicato lo scorso anno sul “Journal of the National Cancer Institute“, che conclude che la riduzione del rischio di ammalarsi che la dieta “verde” produce sarebbe intorno al 10 per cento (percentuale comunque non trascurabile).

In realtà esso non è affatto in contraddizione con quanto sappiamo sull’effetto protettivo di frutta e verdura. Nessuno ha mai affermato che un’alimentazione ricca di frutta e verdura da sola basti a prevenire tutti i tumori, perché la prevenzione comprende, tra l’altro, lo stop al fumo di sigaretta, la riduzione dei fattori inquinanti, la protezione dall’esposizione agli agenti cancerogeni come virus e radiazioni, la limitazione del cibo in generale”.

Serve poi di chiarire cosa significhi davvero “rischio cancro”.
“È noto che non tutti i tumori beneficiano di una riduzione di rischio in uguale misura; pertanto, parlando di “rischio cancro”, occorre fare un distinguo tra forme di cancro che sono e non sono direttamente influenzabili con l’alimentazione. Ma non è tutto: oggi sappiamo che esistono molecole protettive per tipi specifici di tumore che si trovano nelle verdure.

Cioè?
“Il licopene dei pomodori, che protegge dal cancro della prostata, l’indolo-tre-carbinolo delle crucifere, che protegge dal cancro del seno, la catechina presente nelle foglie del tè, che contribuisce a proteggere dal tumore alla pelle, al colon, al polmone, al seno e alla prostata, il resveratrolo dell’uva e del vino rosso, che protegge da diversi tipi di tumori.

Inoltre sappiamo che alcuni vegetali come la soia sono ricchi di fitoestrogeni (sostanze simili agli ormoni femminili) e per questo possono svolgere un ruolo di regolazione di eventuali influenze ormonali sullo sviluppo di certi tumori.

Il futuro è dunque certamente nella ricerca delle sostanze protettive per ogni forma tumorale e nella dieta mirata per le persone ad aumentato rischio di una determinata forma di malattia.

Tuttavia, se un principio attivo si rivela efficace e non presenta effetti collaterali negativi, non c’è ragione per limitarsi a consigliarlo alle persone a rischio e non estenderlo a tutta la popolazione”.

Altri articoli dal nostro blog

Classe 1974, Daniele Bossari è stato per molti di noi un volto noto della tv punto di riferimento dei primi anni 2000, …

Anapaca consiglia “18 Regali” – un film del 2020 di Francesco Amato    La trama Ogni anno Anna riceve dal padre un …

La mattina dopo riguarda ciascuno di noi, perché tutti – in modo diverso - l’abbiamo vissuta. Un lutto, una delusione sentimentale, un’ingiustizia sul luogo di lavoro, una catastrofe naturale, la fine di un’amicizia: all’indomani c’è la necessità di non lasciarsi sopraffare, di trovare una motivazione per andare avanti, di capire come farlo al meglio.

Sta arrivando l'estate e con essa il caldo, gli abiti leggeri, le tanto meritate vacanze e la voglia di sfoggiare un'abbronzatura da invidia. Attenzione però a non mettere a repentaglio il benessere della propria pelle!

Anapaca consiglia la visione di MARE DENTRO, un film del 2004 diretto da Alejandro Amenábar. Il film, tratto da una storia vera, racconta la storia …

    Tony -giornalista in un piccolo giornale locale che si occupa di strambe notizie- e sua moglie Lisa sono una coppia …

Due ore alla settimana possono sembrare poche per cambiare in meglio lo stato di salute o il benessere di una persona. Eppure, se passate a contatto con la natura, possono essere sufficienti. È quanto emerge da uno studio pubblicato nel Regno Unito.

LA FORZA DELLA MENTE (WIT, il titolo in inglese) è un film americano del 2001 tratto dal dramma di Margaret Edson Wit. …

“La morte è molto più di un evento medico. È un tempo di crescita, un processo di trasformazione che ci apre alle più profonde dimensioni della nostra umanità. La morte risveglia la presenza, cioè un'intimità con noi stessi e con tutto ciò che è vivo"

È un libro che parla d’amore, la forza più importante che fa muovere tutto l’universo. È un libro che racconta una storia familiare a distanza di un secolo. Ed è un inno ad una città che ‘non esiste’, Keflavík, un luogo magico tra i fiordi islandesi, che ha solo tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.

I dati a favore del vaccino contro il papillomavirus umano per la prevenzione del cancro alla cervice sono stati ulteriormente confermati da uno studio inglese, il quale ribadisce che la migliore età per la somministrazione del vaccino è in media 12 anni.

L’ascolto attivo è uno strumento indispensabile che deve sempre essere alla portata di chi accompagna un malato o una persona fragile. E' fondamentalmente una tecnica che piò essere appresa, perfezionata e allenata.