Articolo: Russare riduce memoria e coordinazione

L’apnea nel sonno fa danni al cervello. Ricercatori australiani e britannici hanno “fotografato” gli effetti della sospensione del respiro; il mancato afflusso di ossigeno colpisce in particolare due aree cerebrali: quella che archivia le esperienze e quella che coordina i movimenti e governa i cambi d’attenzione. Repubblica.it


Non è solo causa di fastidio per sè e per il partner: russare fa anche male al cervello. Secondo una ricerca australiana, l’apnea nel sonno, ossia la condizione di respirazione interrotta o sospesa caratteristica di buona parte delle persone che russano, provoca “danni” cerebrali, restringendo la materia grigia, le cellule che costituiscono i centri del pensiero e dell’elaborazione.

Il gruppo di studiosi dell’Istituto per la respirazione e il sonno di Melbourne ritiene di aver trovato le prove finora più affidabili a sostegno della tesi. Nello studio, presentato a un congresso medico sul sonno a Christchurch, in Nuova Zelanda, i ricercatori hanno usato la risonanza magnetica per eseguire scintigrafie cerebrali di 60 pazienti sofferenti di apnea nel sonno e hanno confrontato i risultati con quelli dello stesso test fatto a 60 persone che non ne soffrivano.

“Abbiamo osservato dei mutamenti nel cervello di pazienti con apnea nel sonno – ha detto Fergal O’Donoghue, che ha guidato il progetto in collaborazione con colleghi britannici – . Due aree in particolare sono danneggiate dalla mancanza di ossigeno: una nella parte inferiore del cervello, vicino all’area usata per la memoria, e l’altra nel cerebellum, responsabile della coordinazione dei movimenti e della capacità di trasferire l’attenzione da un compito all’altro”.

Lo studio conferma prove aneddotiche secondo cui chi soffre di apnea nel sonno è a maggior rischio di incidenti stradali, depressione e problemi di memoria. “Uno dei messaggi dello studio – ha detto O’Donoghue –  è che se si hanno sintomi di apnea nel sonno è importante cercare attenzione medica, perché non è solo il problema fastidioso del russare, ma può essere più grave”.

Altri articoli dal nostro blog

Prodotto da Alter Think e condotto da Aureliano Stingi, “La Grande C” è un podcast che siarticola in dieci puntate in cui …

Il volume “I numeri del cancro in Italia 2022”, racchiude il censimento ufficiale giunto alla12esima edizione degli aspetti relativi alla diagnosi e …

Per questa settimana Anapaca vi consiglia questa interessante serie Netflix, una produzione spagnola diretta da Daniel Sanchez Arevalo. La trama Le ragazze dell’ultimo …

Classe 1964, Gianluca Vialli non ha bisogno di presentazioni: tra i migliori centravanti degli anni 80 e 90 del XX secolo oggi …

Un cancro può colpire chiunque, anche se alcune persone sono più vulnerabili di altre. Alcuni fattori di rischio, come l’ambiente, le abitudini e i comportamenti, si …

Quando nell’agosto 2012 gli hanno dato quattro mesi di vita, Leonardo Cenci ha preso una decisione: «Non se ne parla neanche, ho …

Anapaca consiglia: 50 e 50 – Un film di  Jonathan Levine (2011) La trama Adam Lerner (Joseph Gordon-Levitt) ha 27 anni e lavora …

In Italia quello della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e rappresenta il 18,5 per cento di tutti i …

Pianista, compositore, direttore d’orchestra e scrittore italiano, Giovanni Allevi è un artista che ha saputo entrare nell’immaginario collettivo delle nuove generazioni con …

Ottobre, il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno, sta giungendo a termine e vogliamo dedicare una riflessione sul valore del …

Un breve video con preziose parole condivise da una nostra volontaria, che da aprile opera presso l’hospice

Preziose cicatrici Il mio percorso di ricerca e speranza nella lotta al tumore al seno di Viviana Galimberti – Ed.Rizzoli Non è …